Capodanno nel Parco Nazionale del Cilento (30,31 Dic e 1 Gen)

A partire da 260,00

Tre giorni a cavallo di Capodanno immersi nella natura e nelle tradizioni di un angolo del Meridione d’Italia ricco di bellezza: il Parco Nazionale del Cilento

Le prenotazioni al viaggio dovranno pervenirci entro  e non oltre lunedì 4 Dicembre

(considereremo valide solo le prenotazioni con versamento dell’acconto, una volta effettuata la prenotazione vi invieremo mail con modalità di pagamento dell’acconto stesso)

I POSTI SONO LIMITATI, RAGGIUNTO IL NUMERO MASSIMO NON FAREMO ECCEZIONI, CHI PRIMA ARRIVA…

  • Genere di Vacanza
    Escursione a piedi
  • Livello di difficoltà Abbastanza Facile
    2/8
  • Dimensioni Gruppo Min partecipanti
    15
Tutto circa Capodanno nel Parco Nazionale del Cilento (30,31 Dic e 1 Gen).

Tre giorni a cavallo di Capodanno immersi nella natura e nelle tradizioni di un angolo del Meridione d'Italia ricco di bellezza: il Parco Nazionale del Cilento.

Un programmino con i fiocchi per chiudere alla grande il 2017 e iniziare di slancio il 2018, ovviamente come piace a noi, in modo semplice a contatto con la natura, gustando buon cibo e riempendoci l'anima di emozioni alla scoperta di luoghi lontani dal turismo di massa, ma veri e propri gioielli del nostro meraviglioso paese.

Ecco tutte le componenti del viaggetto:

  • Trekking guidati da esperte Guide Ambientali sugli Alburni e nella Valle del Calore;
  • Visite ad antichi borghi e siti di rilevanza monumentale (Felitto, Roscigno Vecchia, Certosa di San Lorenzo di Padula [qualora aperta il 1 Gennaio], Battistero di San Giovanni in Fonte)
  • Esplorazione del sottosuolo: Grotte di Castelcivita
  • Cucina casereccia;
  • Posti limitati (in modo che tutti possano conoscere tutti [i pullman granturismo li lasciamo ad altri];
  • Bella gente e bei sorrisi...fidatevi...
Cos'è incluso ed escluso nel pacchetto
Servizi inclusi nel tourServizi inclusi nel prezzo.
  • 2 pernottamenti in Agriturismo o B&B (vi distribuiremo noi nelle stanze cercando di accontentare le esigenze di tutti);
  • 2 cene. 2 colazioni, 1 pranzo
  • Biglietto d'ingresso alle Grotte di Castelcivita
  • Ingresso alle Terme di Contursi
  • 2 trekking guidati da Guide Ambientali locali
  • Assicurazione R/C  (responsabilità civile)
  • Tessera Associazione Ra-Dici 2018

  • Bacchette da trekking + ghette (in comodato d'uso gratuito ai primi 20 iscritti che le richiederanno)
Servizi non inclusi nel tour.Servizi non inclusi nel prezzo.
  • Pranzi a sacco;

OPZIONABILI:

  • 8 posti nel nostro furgone (per i primi 8 prenotanti che ce li richiederanno, gli altri dovranno organizzarsi con propri mezzi (ma agevoleremo un car sharing tra gli iscritti): 25 euro in più sulla quota viaggio (servono a coprire costi di carburante e autostrada)
  1. Day 1 Puglia - Sicignano - Felitto

    Partenza all'alba per Sicignano, paesino ai piedi dei Monti Alburni dove vivremo la prima immersione nella natura del nostro viaggio.

    L'itinerario trekking che vi proponiamo raggiunge il Monte Urto 1661 m slm, chiamato “La Torre” per la sua forma a piramide, un percorso chiamato “I sentieri della mente” perché veramente carico di emotività. Lungo il trekking, prima del valico Secchitiello (1500 m slm) c’è la deviazione per la Grotta dei Falconi dove si può visitare la straordinaria cengia della parete a nord dell’Urto detta “La Cattedrale”. A questo punto, i più in "gamba" e atletici potranno raggiungere la vetta, gli altri cominceranno la ridiscesa accompagnati da una seconda guida. Nell'itinerario comune a tutti e due i gruppi incontreremo un bellissimo faggio monumentale che ha fagocitato una corda d’acciaio simbolo di un passato che ha fatto la storia del nostro borgo, la grotta del monte Tirone e la mastodontica grotta del Ciclope.

    Al termine del trekking ci sposteremo verso Felitto, il paesino nella Valle del Calore dove saremo accolti dalla grande ospitalità di Annamaria, Filippo e Sandro i proprietari delle accoglienti strutture al caldo delle quali passeremo le nostre notti cilentine. Sistemazione nelle strutture, relax e cena.

  2. Day 2 Le Gole del Calore - Roscigno vecchia

    Sveglia, colazione e partenza per un trekking leggero nelle Gole del Torrente Calore.

    L'itinerario parte proprio dal centro di Felitto scende al vicinissimo ponte medievale per poi risalire il Torrente Calore costeggiandolo sulla sponda sinistra. Procedendo con molta attenzione nei tratti più ripidi si arriva ad un ponte noto come ponte della tortora. A questo attraversando il ponte si costeggia il fiume sulla sponda destra fino a Remolino dove potremo sostare un po’ ed ammirare le marmitte dei giganti per poi decidere se proseguire fino alla Grotta di Bennardo per poi raggiungere il ponte naturale di Pietra-Tetta (probabilmente pietra retta) costituito da due enormi massi calcarei staccatisi dalle ripidi pareti e incastratisi a formare un ponte naturale.

    Prima di intraprendere la strada del ritorno in paese e concludendo il nostro percorso ad anello.

    Dopo il trekking, sgranocchieremo qualcosa per poi spostarci nel vicino paese di Roscigno, dove visiteremo l'antico borgo, abbandonato a causa delle frane...un posto magico!! Fidatevi di noi.

    In Roscigno Vecchia attualmente risiede un solo abitante (Giuseppe Spagnuolo che, dopo la morte di Dorina, unica vera ultima residente, si è trasferito in una delle vecchie case, il solitario abitante ovviamente sarà il nostro Cicerone...guardate la sua foto nella galleria di immagini del nostro viaggio e diteci se non v'incuriosisce scoprire cosa avrà da raccontarci...;)

    Dopo la visita rientro a Felitto, relax prima della cena di Capodanno nel nostro Agriturismo (ovviamente parliamo di cena e non di cenone, se vi piacciono i cenoni prenotate un altro viaggio...)
    L'Agriturismo è tutto per noi, quindi prima e dopo cena possiamo divertirci, giocando e ballando come più ci piace...immancabile, ovviamente, la Tombolata Trash (gli affezionati sanno di cosa stiamo parlando, i nuovi fortunati lo scopriranno...).

  3. Day 3 Grotte di Castelcivita - Terme di Contursi - Certosa di Padula

    Sveglia soft, colazione e checkout

    Ci sposteremo per visitare le grotte di Castelcivita che costituiscono, con un totale di circa 4800 m di lunghezza, uno dei complessi speleologici più estesi dell’Italia meridionale. Il sistema di cavità sotterranee, si apre a 94 m di altitudine, tra le rive del fiume Calore ed il versante sud-occidentale dei monti Alburni, mostrando da subito un suggestivo scenario di gallerie, ampi spazi e strettoie scavati dall’azione millenaria dell’erosione carsica.
    Il sistema ipogeo si presenta suddiviso in tre percorsi. Questa suddivisione consente di passare da un percorso turistico ad un percorso fuori sentiero che, attraverso spettacolari ambienti concrezionati, adorni di imponenti ed eccentriche formazioni calcaree, conduce fino ad un ampio bacino idrico definito “lago Sifone”. Il terzo percorso è riservato agli speleologi.

    Dalle Grotte ci sposteremo a Contursi , dove scioglieremo i nostri muscoli in calda e fumante acqua termale e dove ci rifocilleremo a pranzo!

    Dalle Terme, nel pomeriggio, ci sposteremo a Padula per visitare (qualora fosse aperta) la famosissima Certosa di San Lorenzo, usiamo il condizionale, perchè in biglietteria ci hanno spiegato che potranno comunicarci se il 1 Gennaio dovesse esserci o meno apertura straordinaria solo una settimana prima...:( non vi preoccupate però se dovesse essere chiusa visiteremo il il Battistero paleocristiano di San Giovanni in Fonte che è il solo al mondo che utilizza l'acqua battesimale attingendola direttamente dalla sorgiva sulla quale esso sorge, la sua costruzione risale ai primi secoli del Cristianesimo.
    Fu realizzato in un'area considerata sacra già in epoca antica per la presenza di una fonte dedicata al culto pagano della ninfa Leucothea, particolare questo che ci viene riferito dallo storico romano Aurelio Cassiodoro.

    Ovviamente se la Certosa dovesse essere visitabile questo non escluderà anche la visita al Battistero....

    Fine delle attività e ritorno a casa.

1) obbligatori gli scarponcini da trekking impermeabili; (Ghette e Bastoncini da Trekking ve li diamo noi!)
2) borraccia (va bene anche una bottiglia d'acqua da un litro e mezzo);
3) zainetto piccolo per le escursioni giornaliere;
4) cappello di lana o pile e guanti;
5) abbigliamento da pioggia  [k-way e, se volete, pantaloni impermeabili] (speriamo non debba servire ma non si sa mai..)
6) Abbigliamento tecnico da  trekking o comunque sportivo, invernale a più strati, in modo che se dovesse fare più caldo, intorno alle ore centrali della giornata, ci si può alleggerire facilmente (ma anche una giacca a vento pesante)
7) torcia elettrica (quella frontale, anche detta TICCA, è la più comoda e la trovate a Decathlon..)
8) costume da bagno... per le Terme!!
10) Asciuga capelli.